Possibile, doppia tessera ed espulsioni. Qualche precisazione


possibileIeri sono stato contattato da Paolo Cosseddu, membro del Comitato Organizzativo di Possibile. Paolo ha trovato “ingeneroso e scorretto” il post che ho pubblicato martedì, chiedendo alle iscritte e agli iscritti di Possibile di proporre una modifica statutaria per consentire la doppia tessera. Mi è stato contestato che non ho specificato le circostanze delle espulsioni delle quali si è parato negli ultimi giorni.

È vero, nel mio post non ho specificato che gli espulsi, oltre ad essere iscritti a Sinistra Ecologia e Libertà, sono anche dirigenti di quel partito. Non l’ho specificato perché quando dico che per me “chiunque” si deve poter iscrivere a Possibile, intendo proprio “chiunque”. E quando dico che vorrei che fosse consentita la doppia tessera, intendo che vorrei che fosse consentita a tutti e non distinguo tra dirigenti, militanti o “semplici” iscritti agli altri partiti.

Paolo ha obiettato che dobbiamo essere chiari e che non è giusto che membri di altri partiti (magari del Partito Democratico o di SEL, con le loro posizioni ambigue rispetto alle alleanze con il PD) possano venire a dettare la linea a casa nostra. Comprendo le obiezioni di Paolo, ma non mi convincono.

Perché non mi spaventa il fatto che dirigenti di altri partiti si iscrivano a Possibile? Non mi spaventa perché se – giusto per fare un esempio – è vero che la stragrande maggioranza delle iscritte e degli iscritti a Possibile è contraria ad alleanze con il Partito Democratico, allora è impossibile che i dirigenti di SEL iscritti al nostro partito possano farci cambiare strada. E questo vale, credo, per tutte le altre questioni.

Comprendo la necessità di chiarezza, sentita soprattutto da quelle compagne e quei compagni che, come Paolo, hanno lasciato il PD. Capisco il loro bisogno di un taglio netto, la loro necessità di dimostrare che Possibile è nato per creare una vera alternativa al PD, ma allo stesso tempo credo che non ci sia contraddizione tra queste necessità e la doppia tessera, perché – come ho già detto – la doppia tessera è una pratica politica che porta a confronto, condivisione e contaminazione.

Che al momento delle elezioni la doppia tessera possa portare ad apparenti contraddizioni lo capisco ma è solo perché il momento elettorale è vissuto come il momento del “o con me o contro di me”.

Che il “problema” siano le elezioni è evidente, Paolo ha detto infatti che che sono molti i radicali iscritti a Possibile e che questo non è un problema, in quanto il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito è una ONG e Radicali Italiani, per statuto, non si presenta alle elezioni. Vero, ma è pure vero che i radicali si sono spesso presentati alle elezioni con altri soggetti (Lista Bonino-Pannella, Rosa nel Pugno, Amnistia Giustizia Libertà): in quel caso, dice Paolo, se saranno alleati a Possibile, la doppia tessera continuerà a non essere un problema, altrimenti “gli iscritti dovranno fare una scelta”. La stessa cosa vale per gli iscritti a Possibile che sono iscritti a Green Italia, Alternativa Libera e a molti altri movimenti.

Nelle cose però basta la chiarezza, se un iscritto a Possibile dovesse scegliere di candidarsi con il Partito Democratico, correndo quindi in una lista nostra avversaria, personalmente non mi creerebbe problemi, se venisse eletto lo valuterei in base alle sue azioni e prese di posizione e se queste fossero in linea con le nostre, non saremmo noi ad avere un problema, ma il PD.

Per concludere, sono convinto che in un PD sempre più distante dal progetto del grande partito progressista che molte e molti sognavano, consentire la doppia tessera significhi far sì che confronto, condivisione e contaminazione facciano esplodere un “Possibile contagio” democratico tra chi del Partito della Nazione e delle larghe intese non ne vuole sapere. Non è un caso se tutti gli altri partiti la doppia tessera la vietano. Mettiamoli alla prova, consentiamo la doppia tessera e costringiamoli con la nostra azione sovversiva ad espellere i loro iscritti che dimostrano interesse per il nostro progetto e si iscrivono.

Mattia Da Re

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...